3598 visitatori in 24 ore
 195 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro



Giuseppe Mauro Maschiella

Ho iniziato nel 2014 e continuo il mio hobby di scrivere poesie. Generalmente la poesia di grandi poeti esalta la bellezza nelle sue varie forme: della donna, della natura, della creazione, ecc… esaltando cosi le illusioni. Il mio modo di fare poesia è diverso: anche io a volte esalto la bellezza, ... (continua)


La sua poesia preferita:
Illusioni di marzo
Il tempo è sempre un po’ pazzo,
io sono nato a marzo.
Freddo, caldo, pioggia, neve, sole,
cadono le ultime foglie di quercia
mentre qua e là spunta un fiore.
Vento di scirocco s’alterna
a tramontana e la
primavera si veste di neve.
Torna...  leggi...

Giuseppe Mauro Maschiella
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Illusioni di marzo (14/02/2019)

La prima poesia pubblicata:
 
Cosi io ti amo (12/02/2019)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Canto doloroso del creato (15/04/2019)

Giuseppe Mauro Maschiella vi consiglia:
 Il dolore (16/02/2019)
 Violini d’autunno (18/02/2019)
 Occhi (21/02/2019)
 Otto marzo (04/03/2019)
 Idomeni (29/03/2019)

La poesia più letta:
 
Cosi io ti amo (12/02/2019, 304 letture)

Leggi la biografia di Giuseppe Mauro Maschiella!

Leggi i 129 commenti di Giuseppe Mauro Maschiella

Giuseppe Mauro Maschiella su Facebook


Giuseppe Mauro Maschiella
ti consiglia questi autori:
 Stefana Pieretti
 Fadda Tonino
 Giacomo Scimonelli
 Marinella Fois
 Antonella Garzonio

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Giuseppe Mauro Maschiella? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Giuseppe Mauro Maschiella in rete:
Invia un messaggio privato a Giuseppe Mauro Maschiella.


Giuseppe Mauro Maschiella pubblica anche nei siti:

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Gli ultimi filibustieri

"Gli ultimi filibustieri" è il quinto ed ultimo romanzo del ciclo dei corsari delle Antille scritto da Emilio (leggi...)
€ 0,99


Giuseppe Mauro Maschiella

Canto doloroso del creato

Riflessioni
Su questa crosta galleggiante
nel magma, nostra prigione,
con paesaggi notturni ed aurore,
con giornate e serate serene,
vivere è percorrere il mondo
attraversando ponti di fumo
e per arrivare in qualche luogo
bisogna trovare un doloroso passaggio,
in cui si scopre che la meta
era solo un miraggio.
Percorro ere intere
che gravano sulle tracce di vita
di questo pianeta,
percorro le ore
rimane inascoltato il dolore.

Lancia atroci segnali il Creatore,
sul nulla che non muta,
per firmare quella nullità
e questi segni che segnano
il nulla cantano un canto
che vibra di mortalità.
A Lui il coro gemente
di galassie e di soli,
di pianeti e di comete,
di terre e di mari,
di nuvole e natura,
di esseri umani,
circolanti nel turbine
del nulla nominato
canta il canto doloroso del creato.

Oh voi, guardate come gli
anni cadono con fragore
tutti e formano una nube di polvere
e l’uccello sul suo ramo
ride dei sogni dell’uomo,
mentre tutto si sbriciola
in frammenti nel terremoto!
I sopravvissuti trascinavano
i corpi feriti
tra le masserizie usate,
tra muri e travi crollati,
dovevano salire sopra
un colle e calare nel
nulla dall’altra parte,
e franavano insieme
a quelli che già
erano sprofondati.
La passeggiata si chiamava vita.
Molti gemevano e piangevano
tra polvere e detriti,
ma tu, oh Creatore,
non li hai uditi.

Oh voi, guardate
crescere sulle rovine,
il dolore posto sulla
fronte di due sorelline,
strette nel loro letto,
in un tenero abbraccio
una viva ed una morta,
perché sia eterno
e la polvere che traccia il segno
di un orrendo disegno!
Se questo istante fosse l’eternità,
per sempre in me il vostro
crudele destino resterà.
La luna morirà e rinascerà
tante volte davanti alla mia porta
e una terrazza incontrerà deserta,
dove il vostro ricordo tuttavia
sta in mezzo ai fiori appassiti,
in un posto sicuro,
scritto con il cuore sopra un muro.


Club Scrivere Giuseppe Mauro Maschiella 15/04/2019 17:32| 2| 35


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Sara Acireale
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.

Nota dell'autore:
«Scritta in memoria dei terremotati del Centro Italia del 2016. in particolare in ricordo di una bambina estratta viva dalle macerie dopo 17 ore a Pescara del Tronto. abbracciata nello stesso letto alla sua sorellina morta, protetta da una trave e dal corpo della sorellina, che non ce l’ha fatta. Questa è anche una riflessione personale su come nella vita siamo abbandonati a noi stessi davanti a simili atrocità dal Creatore, ed è anche una riflessione su quella natura che tanto amiamo e decantiamo, dimenticando che quando si scatena è dispensatrice di catastrofi e di morte.»


 

I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«La natura può essere atroce ma non dobbiamo dimenticare che i terremoti si sono sempre verificati sul nostro pianeta. Oggi i danni che producono sono impressionanti a causa dell’eccessiva cementificazione... i disastri sono immensi. A ciò si aggiunge l’incuria nelle costruzioni, la faciloneria con cui si eseguono i lavori. Penso che l’uomo abbia la sua parte di colpa. La poesia mi ha commosso anche se è abbastanza lunga (di solito preferisco le poesie più brevi). Sono versi ben scritti e che inducono alla riflessione.»
Club ScrivereSara Acireale (16/04/2019) Modifica questo commento

«con che maestria e sentimento
scrive tra i versi, il poeta,
tutto quel dolore, paura .disperazione
nei momenti paurosi del terremoto
si sente, si vive le lacrime della gente
la disperazione di perdere tutto
di vedere in polvere la loro vita ...
ed essere costretti a sopravvivere alla perdita di persone amate ...
Molto, molto apprezzata con elogi!»
Club ScrivereStefana Pieretti (16/04/2019) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:

smiley Poeta (Sara Acireale)

smiley grande emozione! Bravo con like e segnalo (Stefana Pieretti)


Scrivi le tue sensazioni su questa poesia
Hai una sensazione, un messaggio, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori?
Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Selezione per pubblicare un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN gratuito? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici? Sottoponetelo alla nostra selezione. (Scadenza di questa offerta: 30 giugno)
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione



Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2019 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it